Tabelline a colori

Tabelline a colori

Il gioco delle tabelline a colori è una cosa che faccio sempre con gli allievi. Ritengo che unire il metodo pratico a quello teorico sia senz’altro più efficace, ed i risultati lo confermano.

Anche le tabelline possono essere memorizzate giocando: il trucco che utilizzo, come molti educatori, consiste nell’utilizzare dei materiali colorati per realizzare una sorta di puzzle, dove colori e numeri siano associati. Infatti la memoria visiva e fotografica è molto utile per alcuni allievi, anche per memorizzare le cose e i concetti più difficili, e può essere sfruttata anche allo scopo di calcolare le tabelline.

Giochiamo con i colori

Per realizzarlo utilizzo una Tavola Pitagorica e dei semplici cartoncini di carta. I miei scolari creano una tabella a griglia quadrettata con 100 caselle bianche, formata dall’intersezione di 10 righe e 10 colonne di numeri. L’incrocio tra le due è il prodotto, e quindi il risultato della loro moltiplicazione. Gli allievi posizionano sulle caselle bianche i rispettivi risultati che corrispondono ai vari incroci, scritti sui cartoncini colorati. Ad ogni casella corrisponde un risultato che essi aggiunto mentre giocano. In questo modo essi completano la riga e la colonna di ciascun numero, utilizzando un unico colore per ciascuno. Ogni colore corrisponde alla tabellina di un numero.

Imparare

 

Una variante per dare brio al gioco, è quella di disegnare direttamente i numeri nelle caselle o di impostare il gioco come un quiz a punti, da assegnare a chi riuscirà a calcolare il risultato in modo corretto e veloce.

Tabelline a colori
Tabelline a colori

Ci sono anche molti altri modi per giocare con le tabelline. Un gioco che si presta molto bene a memorizzare le tabelline è la battaglia navale. In questo caso, i giocatori possono colpire se indovinano il risultato della moltiplicazione dei numeri che si intersecano sulla posizione della nave.

Imparare

 

Ma la cosa di fondamentale importanza è fare, cioè fare per imparare.

Imparare giocando

Utilizzare il gioco per far studiare i ragazzi è sempre una buona strategia, perché spesso un approccio ludico alla conoscenza permette di fissare più profondamente nella memoria i concetti che vanno appresi, accompagnandoli con un’esperienza emotiva e un ricordo positivi. Il gioco risulta molto utile ai bambini che di fronte ad un problema o ad una difficoltà potrebbero entrare in crisi. Questi bambini spesso decidono di abbandonare il compito. In questi casi utilizzare il gioco può essere un buon metodo per attirare la loro attenzione. Il gioco spesso riesce a farli concentrare sul compito da svolgere con un approccio diverso, senz’altro più proficuo.

Imparare

Una gradita variante è quella di predisporre una maxi tavola pitagorica vuota su un cartellone. Ciascun alunno inserirà i risultati corretti dopo aver risposto alle domande sulle tabelline, usando solo 10 colori. Ovvero… un colore per ciascuna tabellina.

Tabelline a colori
Tabelline a colori

Segui https://rimediomeopatici.com/affezioni-rimedi/infezioni-delle-vie-urinarie/

Segui https://riciclareperrisparmiare.it/ e segui anche https://ricettedirita.it/

Leggi https://schedescuola.it/il-calcolo-veloce/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.