Regolamento Scolastico

Regolamento scolastico

Il regolamento scolastico è la carta legislativa scolastica; è approvato dal Consiglio d’Istituto ed è modificabile nel tempo nel senso che è aggiornabile.

È un documento che stabilisce le regole per l’andamento generale dell’Istituto Scolastico. Il regolamento contribuisce, con l’osservanza degli obblighi desumenti dalla convivenza civile, al raggiungimento delle finalità educative e formative appartenenti dell’istituzione scolastica.

È un documento che regolamenta i comportamenti individuali e collettivi.

Il regolamento dichiara le modalità, gli spazi i tempi di azione degli studenti, stabilisce le regole che garantiscano il rispetto dei diritti e dei doveri da parte di tutte le componenti scolastiche e prevede eventuali sanzioni.

 

COMPORTAMENTO IN AULA:

  1. All’entrata e all’uscita dall’aula è obbligatorio il saluto agli insegnanti e al personale ausiliario.
  2. Quando un insegnante entra in classe gli alunni sono tenuti ad alzarsi in piedi e restare in silenzio. Gli alunni possono sedersi quando l’insegnante li autorizza.
  3. Ogni studente deve alzare la mano per chiedere la parola ed attendere il permesso dell’insegnante prima di parlare.
  4. Gli alunni non devono alzarsi dal proprio banco senza averne prima ottenuto il permesso.
  5. In classe non è consentito masticare la gomma o qualsiasi altro tipo di cibo durante le lezioni. In aula è consentito, previa autorizzazione del docente, il consumo di sola acqua.
  6. Se l’insegnante viene momentaneamente intrattenuto a colloquio con altre persone (Dirigente Scolastico, altri insegnanti, personale, genitori), tutti devono continuare il loro lavoro nel massimo silenzio.
  7. Al termine dell’attività di studio ognuno deve riordinare il proprio banco lasciandolo pulito e sistemare i libri nell’apposito scaffale personale.

  8. E’ vietato dondolarsi sulla sedia e anche scrivere sul banco. Ognuno risponderà di eventuali danni causati.
  9. All’entrata e all’uscita dall’aula, ciascun allievo deve sistemare la propria sedia sollevandola senza fare rumore.
  10. Gli alunni devono tenere sul banco soltanto il materiale strettamente necessario; il resto per la giornata sotto il banco. Anche lo zaino deve essere sistemato sotto il banco in modo tale da non intralciare la mobilità degli allievi nelle situazioni di emergenza.
  11. Per evitare continui e fastidiosi movimenti, prima dell’inizio dell’attività di studio verrà concesso un breve lasso di tempo per il prelievo dei libri dallo scaffale, per la preparazione del materiale necessario per le prime ore di lezione; a ricreazione avverrà il cambio dei libri per le successive tre ore di lezione.
  12. La sistemazione dei banchi nell’aula viene stabilita dai docenti, e tale verrà mantenuta per tutto l’anno, salvo ulteriori modifiche concordate dagli stessi.
  13. Tutti gli alunni condividono la responsabilità dell’uso di materiali della scuola e della propria classe e rispondono personalmente dei danni provocati.
  14. Tutti gli alunni sono tenuti ad osservare le norme della buona educazione, del rispetto verso il prossimo e della convivenza civile, perseguendo valori quali l’amicizia, la lealtà e la solidarietà.
  15. E’ vietato bestemmiare e usare espressioni volgari e offensive verso chiunque, nonché praticare giochi pericolosi.

 

COMPORTAMENTO FUORI AULA:

  1. Durante tutti gli spostamenti il gruppo classe si muove ordinatamente e silenziosamente in fila per due.
  2. All’uscita dalla scuola per il rientro a casa è obbligatorio portare con sé, dentro lo zaino, almeno i libri e i quaderni necessari per il ripasso orale oltre che il diario ed il quaderno personale (ovvero il quaderno delle comunicazioni scuola-famiglia).
  3. Gli alunni non possono trattenersi a conversare nei locali dei servizi igienici o nel corridoio; l’alunno che con il permesso dell’insegnante si reca fuori della propria aula, durante le attività didattico-educative, deve rientrarvi prima possibile.

REGOLAMENTO SCOLASTICO PER LA RICREAZIONE

  1. Dalle ore …. alle ore …. gli alunni potranno passeggiare ordinatamente lungo il corridoio
  2. Sono proibite le corse pericolose, le spinte e le grida. Nel corridoio non è consentito giocare con nessun tipo di pallone.
  3. Gli alunni dovranno abituarsi a mangiare le merende, avendo cura di non sporcare con briciole e carte l’aula e il corridoio.

 

IMPEGNI E DOVERI SCOLASTICI

  1. Durante tutta la durata delle lezioni dovrà permanere in aula un clima di tranquilla laboriosità al fine di favorire l’impegno e la concentrazione di tutti; ognuno utilizzerà i propri strumenti scolastici facendo attenzione a non disturbare i compagni.
  2. Dopo qualunque periodo di assenza temporanea o prolungata, ogni alunno ha il dovere, non appena rientrato a scuola, di aggiornarsi e mettersi subito al corrente dei propri doveri scolastici. Ciò al fine di evitare prolungate giustificazioni che in nessun caso potranno essere tollerate.
  3. Gli alunni devono appuntare tutti i compiti sul diario in maniera precisa e completa; allo stesso modo riportano sul quaderno personale tutti i giudizi scolastici di cui informeranno subito i genitori.
  4. Il quaderno personale rappresenta il normale mezzo di comunicazione scuola-famiglia. L’allievo è tenuto ad averlo costantemente con sé: l’esserne sprovvisto è da ritenersi mancanza disciplinare.
  5. La frequenza degli alunni alle lezioni è obbligatoria.

 

REGOLAMENTO SCOLASTICO: RICHIESTE DI PERMESSO E AUTORIZZAZIONI

  1. L’uscita dall’aula per recarsi ai servizi igienici è consentita uno per volta, previo permesso.
  2. Gli alunni con regolare permesso d’uscita con accompagnatore dovranno attendere l’arrivo del proprio genitore per poter lasciare l’Istituto.
  3. Le eventuali e motivate richieste di permesso d’uscita anticipata, rispetto all’orario dichiarato ad inizio d’anno scolastico, possono essere “fisse” e “giornaliere”. Quelle “fisse” dovranno essere compilate su apposito modulo prestampato reperibile presso la Segreteria della scuola; esse saranno vagliate ed autorizzate dal Dirigente Scolastico e, quindi, vistate sul libretto personale dal docente. Le richieste di permesso d’uscita anticipata “giornaliere” (di carattere straordinario) saranno vagliate e siglate dal docente presente in aula. Il docente, nel caso di un frequente utilizzo delle stesse, informerà al riguardo il Dirigente Scolastico e consulterà la famiglia dell’allievo.
  4. L’uscita dall’aula è possibile soltanto su permesso dell’insegnante; per nessun motivo gli alunni potranno uscire senza chiederne l’autorizzazione, tranne i casi di forzata e disciplinata uscita nell’eventualità di situazioni di pericolo. Tale circostanza verrà adeguatamente illustrata agli alunni anche con specifiche prove di evacuazione.

 

IGIENE PERSONALE

Ogni allievo deve arrivare a scuola pulito e curato nella persona e negli abiti, e fornito di tutto il materiale occorrente.

La cura del proprio aspetto e delle proprie cose deve essere mantenuto sempre. Gli indumenti indossati per l’attività fisica vanno sempre lavati dopo l’utilizzo. L’accesso in palestra può avvenire soltanto con la tuta e le scarpe da ginnastica.

 

DIRITTI DELLO STUDENTE

Lo studente ha diritto:

  1. di essere informato sulle decisioni e sulle norme che regolano la vita della scuola;
  2. ad una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca ad individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento;
  3. alla libertà di apprendimento ed alla scelta tra le attività curricolari integrative e tra le attività aggiuntive facoltative offerte dalla scuola.

 

DOVERI DELLO STUDENTE

Gli studenti sono tenuti a:

  1. assolvere assiduamente agli impegni di studio;
  2. avere nei confronti del Capo d’Istituto, degli insegnanti, degli educatori, del personale tutto della scuola e dei loro compagni, lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi.
  3. mantenere un comportamento corretto, nell’esercizio dei loro diritti e nell’adempimento dei loro doveri.

 

REGOLAMENTO SCOLASTICO: DOVERI DEI GENITORI

I genitori degli allievi sono tenuti a:

  1. Consultare quotidianamente il registro elettronico.
  2. Recarsi periodicamente a colloquio con i docenti nell’orario di ricevimento e non durante l’orario delle lezioni, eccetto che per motivi gravi e urgenti.
  3. Recarsi a scuola se convocati dall’insegnante nel giorno e nell’ora stabilita dallo stesso.
  4. Prendersi cura del proprio figlio e assicurarsi che sia presente a scuola e che abbia svolto tutti i compiti assegnati, quotidianamente.
  5. Far pervenire a scuola la giustifica delle assenze il giorno del rientro in classe del proprio figlio. Le assenze continuative per un periodo pari o superiore a cinque giorni devono essere giustificate con certificato medico.

 

LA SCUOLA SI IMPEGNA AD ASSICURARE:

  1. a) un servizio educativo – didattico di qualità;
  2. b) offerte formative aggiuntive ed integrative;
  3. c) iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio, nonché per la prevenzione ed il recupero della dispersione scolastica;
  4. d) la salubrità e la sicurezza degli ambienti;
  5. e) la disponibilità di un’adeguata strumentazione tecnologica;
  6. f) servizi di sostegno e di promozione della salute.

 

REGOLAMENTO SCOLASTICO: PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E SANZIONI

  1. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all’interno della comunità scolastica.
  2. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni.
  3. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell’altrui personalità.
  4. Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare ed ispirate, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente. Ad egli è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della comunità scolastica.

 

TIPO DI SANZIONE

Sanzioni previste per mancanza verbale e/o gestuale

  1. Richiamo verbale
  2. Nota sul quaderno personale
  3. Nota sul registro. La nota sul registro sanziona l’uso del cellulare, atteggiamenti irrispettosi nei confronti di compagni e /o insegnanti, comportamenti pericolosi, che mettano a repentaglio la propria incolumità o quella degli altri oppure che arrechino grave disturbo, impedendo il regolare svolgimento delle lezioni.
  4. Convocazione dei genitori
  5. Intervento del Consiglio di Classe con presenti due rappresentanti dei genitori (qualora l’alunno         superi le tre note sul registro), per deliberare le sanzioni del caso
  6. Segnalazione ai Servizi Sociali

  7. Sospensione dalle lezioni o altri provvedimenti disciplinari.

Sanzioni per danni alle persone e/o alle cose risarcimento del danno materiale arrecato, sia volontariamente che involontariamente, su decisione adottata in Consiglio di Classe.

  1. Le sanzioni e i provvedimenti che comportano allontanamento dalla comunità scolastica sono sempre adottati da un Organo Collegiale (fino a 15 giorni) previe procedure di garanzia.
  2. L’allontanamento dello studente dalla comunità scolastica può essere disposto anche quando siano stati commessi reati o vi sia pericolo per l’incolumità delle persone. In tal caso la durata dell’allontanamento è commisurata alla gravità del reato ovvero al permanere della situazione di pericolo.
  3. Le sanzioni per le mancanze disciplinari commesse durante le sessioni d’esame sono inflitte dalla commissione di esame, previa informazione preventiva ai genitori ed alla direzione dell’Istituto.
  4. Contro le sanzioni disciplinari diverse da quelle di cui in precedenza è ammesso ricorso da parte dei genitori nella scuola secondaria di I grado. Il ricorso è da effettuarsi entro quindici giorni dalla comunicazione della sanzione. Il ricorso deve essere indirizzato al Consiglio di Classe, del quale fa parte almeno un rappresentante dei genitori nella scuola secondaria di I grado.

Il Dirigente Scolastico decide in via definitiva sui reclami proposti dagli studenti, o da chiunque vi abbia interesse, contro le violazioni del presente regolamento. La decisione è assunta previo parere vincolante di una commissione composta da tre docenti e tre genitori.

Regolamento Scolastico
Regolamento Scolastico

 

Segui https://rimediomeopatici.com/piante-salute/cipolla/

Segui https://riciclareperrisparmiare.it/ e segui anche https://ricettedirita.it/

Leggi https://schedescuola.it/schede/scienze/pianeta-blu/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.