Olio in lattina

Olio in lattina

Avrai certamente notato che l’olio in lattina si può versare più facilmente se sul coperchio della lattina ci sono due aperture. Ma ti sei chiesto il perché?

Esegui questa semplice prova:

Apri la lattina rimuovendo il tappo di plastica e inizia a versare l’olio. Osserva…

Poi, con uno strumento appuntito che può essere un cacciavite a stella o un coltello o un apriscatole, pratica un foro sulla lattina nell’angolo opposto del tappo di plastica.
Assicurati che lo strumento indicato sia pulito prima di fare il buco e in caso sterilizzalo su una fiamma per pochi secondi. Osserva…

Olio in lattina

Olio in lattina
Olio in lattina

Il foro praticato consente all’aria di entrare nel barattolo evitando le bolle; l’aria esercita una pressione sull’olio all’interno della lattina, di conseguenza l’olio uscirà più velocemente e con un getto più abbondante.

La lattina è un contenitore ermetico non richiudibile. Il temine lattina deriva da latta, cioè dal materiale con cui inizialmente furono realizzate le prime lattine. La latta è una lamina di ferro su cui è applicato un sottile strato di stagno. La produzione di lattine aveva costi abbastanza elevati ragion per cui il consumo di prodotti conservati in lattina era considerato un lusso che non tutti si potevano consentire. La conservazione del cibo in lattina era però una preziosa risorsa per gli usi militari in quanto attenuava il problema dell’approvvigionamento di vettovaglie.

L’alluminio in seguito sostituì la latta. Le prime lattine in alluminio furono prodotte nel 1957 ed ebbero subito grande diffusione perché l’alluminio è un materiale più malleabile, leggero, economico ed offre la stessa resistenza alla corrosione della latta ma è più leggero.

La lattina è di forma cilindrica o rettangolare

La lattina rettangolare è utilizzata soprattutto per contenere l’olio. Essa è costituita da tre pezzi: da un parallelepipedo di metallo ripiegato e chiuso da una saldatura oppure tramite aggraffatura, dal coperchio e dal fondo applicati sempre tramite aggraffatura.

La lattina di alluminio cilindrica è generalmente utilizzata per le bibite o i prodotti spray. Essa è composta da tre pezzi: il corpo cilindrico, il fondo e il coperchio. I primi due si ottengono tramite un processo chiamato imbutitura, il coperchio è invece applicato tramite aggraffatura.

Le lattine, essendo di materiale metallico, sono riciclabili.

Segui https://rimediomeopatici.com/verruche/

Segui https://riciclareperrisparmiare.it/ e segui anche https://ricettedirita.it/dolci/creme/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.